image

TRANSPOTEC LOGITEC 2022: UN ECOSISTEMA PER I PROFESSIONISTI DELL’AUTOTRASPORTO

La manifestazione di riferimento del settore sarà un’occasione unica per la ripartenza: proposte e formazione con al centro gli operatori e le loro esigenze

Scopri di più
Transpotec Logitec 2022

Scopri tutte le novità

image

TRANSPOTEC LOGITEC 2022: UN ECOSISTEMA PER I PROFESSIONISTI DELL’AUTOTRASPORTO

La manifestazione di riferimento del settore sarà un’occasione unica per la ripartenza: proposte e formazione con al centro gli operatori e le loro esigenze

Scopri di più

Scopri tutte le novità

CQC e pandemia: quali novità?
image
Per chi trasporta merci o persone, la scadenza della CQC è da tenere assolutamente d’occhio, pena l’impossibilità di continuare a effettuare trasporti che ne richiedano il possesso. Visto il prolungarsi dell’emergenza sanitaria, è stata recentemente autorizzata anche la frequentazione online dei corsi per il rinnovo, ma con dei limiti specifici.

Malgrado, alla luce dell’attuale situazione sanitaria, sia stata  prorogata di sette mesi non solo la validità delle CQC in scadenza nel periodo compreso tra il 1° febbraio ed il 31 agosto 2020, ma anche di quelle in scadenza dal 1° settembre al 31 dicembre 2020, la questione resta spinosa.

Chi trasporta merci o persone non può infatti permettersi – pena l’impossibilità di svolgere il proprio lavoro - di far scadere la CQC, che ogni 5 anni va rinnovata seguendo un corso di 35 ore. Eppure, come sottolinato a  gran voce da sigle sindacali e associazioni di categoria dell’autotrasporto, partecipare in presenza ai corsi, visto l’aumento dei contagi, sta diventando un problema, con ricadute importanti su singoli conducenti e aziende di trasporto.

Facendo seguito alle pressanti richieste, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti attraverso la Circolare emessa lo scorso 22 ottobre dalla Direzione Generale della Motorizzazione, a far data dal 2 novembre 2020 ha dunque accordato il ricorso alla formazione online, seppur ma con specifiche limitazioni.

Per tutta la durata dell’emergenza sanitaria è consentita la frequenza dei corsi di formazione periodica anche facendo ricorso all’e-learning, ma solo per un massimo di dieci ore (rispetto alle 35 totali). La frequenza del corso in modalità e-learning prevede l'utilizzo di un qualunque strumento digitale, purchè connesso a Internet, in modo da consentire l’accesso alla piattaforma webinar utilizzata dal formatore, alle aule virtuali e ai confronti interattivi.

Al fine di verificare la validità della frequenza online, negli ultimi dieci minuti precedenti la conclusione di ogni blocco di lezioni il docente sottoporrà a tutti gli allievi, sia quelli in aula che quelli connessi da remoto, un questionario di valutazione. Le schede di risposta elaborate dagli allievi connessi da remoto saranno la prova della loro partecipazione effettiva alla lezione.